Con i dati. Analizzando il comportamento dei lettori in relazione al sito dei propri giornali (stiamo parlando di un editore con 62 edizioni locali), e poi con la segmentazione, per dare ogni fetta di pubblico la migliore offerta di sottoscrizione.

È la strategia del gruppo norvegese Amedia, che dal 2014 a oggi ha raccolto più di 130mila abbonati digitali, e su Nieman Lab c’è un’intervista che dovete leggere a Pål Nedregotten, il loro business developer:

The key to utilize it further is to have a lot of data, so that we’re able to find the right segments to attack with different value propositions. We’re looking at how many visits it takes to register, how few visits it takes before you actually stop subscribing. We’re able to see patterns into which kinds of customers are likely to go to another level. We’re using this kind of insight both from the open-traffic, cookie-based, browser-based customers, all the way up the funnel to our logged-in really valuable customers, looking at what they’re willing to pay more for.

Annunci